Notizie dal mondo della cultura

News

Cerca altre news
Di Sosta in Sosta

Spirito Italiano Atto II

Guido Airoldi, Diego Mazzaferro e Davide Paglia

Fabbrica Borroni | Bollate (MI) | 13/02/2013 - 05/04/2013

Dopo il successo dell’Atto I (visitabile fino al 5 febbraio 2013), il progetto Spirito Italiano continua la sua missione con la presentazione dell’Atto II, che inaugurerà mercoledì 13 febbraio 2013 a partire dalle ore 18.30. Perché è proprio di una missione che si tratta: promuovere concretamente la giovane arte italiana, anche attraverso la vendita delle opere degli artisti. Se l’Atto I ha visto ha scelto come interpreti di questo messaggio tre giovani donne, l’Atto II vede come protagonisti tre ragazzi, tutti molto diversi tra loro ma accomunati dal gesto e dall’uso concreto e tangibile della materia pittorica. Guido Airoldi è di Bergamo ma vive a Verona. Orienta la sua attività artistica verso la pittura, il collage e la performance, con una particolare attenzione al recupero di immagini preesistenti. Le carte di Guido sono il risultato di un lavoro manuale che comincia con un gesto: staccare il manifesto dal luogo pubblico dove è stato incollato e ricollocarlo in un altro luogo. La ricerca artistica del marchigiano Diego Mazzaferro prosegue da diversi anni attraversando i campi della filosofia, della sociologia e della semiologia. Il suo lavoro nasce da un interesse verso l’idea di oggetto, come consapevolezza di ciò che ci sta attorno e che rendiamo parte di noi, e il concetto di apparenza; in particolare, le sue ultime ricerche sono volte verso l’idea del volo. Come un estemporaneo Dedalo, Diego traduce i suoi studi in atto pratico nel momento in cui sagoma e compone materiali diversi, legno, cartone, pelli, corda in forma di ali. Davide Paglia abita a Novate Milanese. La sua pittura è istintiva, una necessità di espressione libera che prima di tutto riguarda se stesso e il bisogno di raccogliere tutte le emozioni perché possano esplodere all’esterno, tra i colori e i materiali, un ritorno al gesto puro, primitivo, all’uso del corpo che si fonde con l’opera attraverso la danza e il gesto, l’impulso che arriva prima della ragione. Dai giovani artisti ai giovani musicisti italiani: l’Atto II verrà animato dall’incontro “Lo spirito italiano nel jazz” (mercoledì 19 marzo 2013 – ore 21, ingresso libero): conferenza di Maurizio Franco e a seguire concerto di Alberto Gurrisi Trio (organo Hammond) e Davide Incorvaia Trio (piano). La mostra è visitabile da lunedì a venerdì dalle ore 10.00 alle ore 18.00 e sabato dalle ore 16.00 alle ore 19.00; ogni giovedì alle ore 17.30 visita guidata su prenotazione. Ingresso libero.