Notizie dal mondo della cultura

News

Cerca altre news
Di Sosta in Sosta

Sleepy Places

Il mare d'inverno evoca l'estate

Spazio Espositivo EContemporary | Trieste | 08/03/2014 - 19/04/2014
Sleepy Places

Atmosfere, suggestioni invernali. Si è in riva al mare, al buio, i piedi nella sabbia fredda e, appoggiati a terra e un po’ cadenti, tutti i simboli dell’estate fermi e immobili, in attesa… Proprio quest’attesa rimanda a un’altra stagione, quando il sole brillerà alto nel cielo e la spiaggia si riempirà di un allegro vociare. Questi luoghi, così popolari d’estate e brulicanti di gente, si trasformano nella stagione fredda in silenziose distese deserte, dove l’unico rumore è lo sciabordio delle acque in sottofondo. Queste sono le immagini che l’artista e fotografo Euro Rotelli utilizza per la sua mostra Sleepy Places, proponendole attraverso un procedimento inverso a quello che lo ha portato a rappresentare il mare d’inverno. Quasi come un pirandelliano sentimento del contrario, egli stesso, in riva al mare d’estate, chiudendo gli occhi si è proiettato nella stagione fredda, assaporando il silenzio e la solitudine contrapposti a ciò che in realtà accadeva intorno a sé. Lo spettatore si trova, invece, di fronte un paesaggio fatto di fasci di luce che si stagliano decisi nella notte su particolari colorati, emulando l’inverno. Ma l’invito è di venire a vedere questa mostra provando a carpire dal silenzio proposto il rumoroso fragore estivo attraverso un lavoro psicologico che porta a vedere le cose e le persone con occhi diversi dall’abitudine quotidiana. La mostra sarà allestita allo Spazio Espositivo EContemporary di Trieste dall’8 marzo al 19 aprile.