Notizie dal mondo della cultura

News

Cerca altre news
Di Sosta in Sosta

Luigi Massari e Patrizia Emma Scialpi. Tema del Ritorno

Fusione di stimoli, linguaggi e significati

Spazio Meme | Carpi (MO) | 15/12/2012 - 13/01/2013

Il 15 dicembre, allo Spazio Meme di Carpi, inaugura la mostra di Luigi Massari e Patrizia Emma Scialpi dal titolo “Tema del Ritorno” e a cura di Francesca Pergreffi. “Tema”: ciò che pone; radice della parola; argomento; frase musicale posta all’inizio della composizione che viene poi ripresa e sviluppata; timore. “Ritorno”: raggiungere un luogo da dove si era partiti; ciclicità; restituzione; conseguenza positiva di un’azione; inversione della direzione di moto. Queste declinazioni di significato sono tutte comprese nella realizzazione e nella visione del progetto: Tema del ritorno, di Luigi Massari e Patrizia Emma Scialpi. “Tema – che come dicono gli artisti – è declinabile sia verso una concezione primordiale, con un discorso più ampio legato alla riscoperta delle proprie radici naturali; sia verso una riflessione sul tempo, legata quindi a un’indagine sulla memoria e sul passato. L’elemento naturale può diventare simbolo di attaccamento e legame con la propria Terra, manifestando la tendenza collettiva a esternare uno slancio vitale verso noi stessi e le nostre origini. Oppure può rappresentare la traccia di un atto di appropriazione e rivitalizzazione del tempo vissuto”. Luigi Massari e Patrizia Emma Scialpi partendo dalle loro differenze, sessuali e stilistiche, s’incarnano in una figura bicefala che va alla ricerca di tracce e simboli tutelari di un passato che, una volta vivisezionati e ri-scritti, si fan portatori di un nuovo presente. La loro ricerca è un’onda che partendo dal sè va a ritroso verso lo stato embrionale e raccoglie segni che poi rimanda fuori, all’altro. Un moto ondoso che trasforma i segni e li riporta al presente sotto forma di echi. Luigi e Patrizia Emma stilano una mappa antropologica in cui gli elementi accostati in un presunto disordine creano una relazione e una dialettica serrata fra l’universale e il personale, la natura e l’individuo, il passato e il presente, l’uomo e la donna. Gli artisti compiono una meticolosa opera di tessitura in cui tutti gli elementi concorrono alla visione finale mantenendo la loro essenza originaria; ogni parte potrebbe vivere autonomamente ma ha la necessità di comunicare con le altre perché il loro è un viaggio relazionale.

 

Info: http://www.spaziomeme.org