Notizie dal mondo della cultura

News

Cerca altre news
Di Sosta in Sosta

Lo sguardo di Michelangelo. Antonioni e le arti

Vita e arte di uno dei più grandi cineasti del Novecento

Palazzo dei Diamanti | Ferrara | 30/09/2012 - 06/01/2013

“Lo sguardo di Michelangelo. Antonioni e le arti” è il titolo della mostra che Ferrara Arte e le Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara, in collaborazione con la Cineteca di Bologna, dedicano al grande maestro. Nell’esposizione l’opera dell’artista ferrarese verrà indagata alla luce del rapporto con le altre discipline artistiche, dalla musica alla fotografia, dalla pittura alla letteratura, attraverso l’accostamento delle sue creazioni alle opere che lui ha ammirato, che ha scelto di far apparire nei suoi film o che egli stesso aveva collezionato. L’esposizione – curata da Dominique Païni, già direttore della Cinémathèque Française – verrà inaugurata nel giorno in cui si celebra il centenario della nascita di Antonioni, il 29 settembre 2012. Ordinato in undici sezioni tematico-cronologiche, il percorso espositivo sarà scandito da contrapposizioni che segnano la poetica del maestro: il periodo “del bianco e nero” e quello “del colore”, la bellezza notturna della Bosè e la solarità della Vitti, le nebbie della nativa pianura padana e i deserti aridi e polverosi dei lungometraggi della maturità, il leitmotiv dell'”eroe malato” e il tema della vitalità della gioventù pop degli anni Sessanta, il fascino degli angoli nascosti dei parchi pubblici e quello dei rilievi misteriosi delle montagne incantate. Uno straordinario fondo di oggetti e documenti relativi alla vita e all’opera del regista di proprietà del Comune di Ferrara; oltre 47.000 pezzi tra film e documentari, fotografie di scena, sceneggiature originali, la biblioteca e la discoteca di Antonioni, l’epistolario intrattenuto con i maggiori protagonisti della vita culturale del secolo scorso (da Roland Barthes a Luchino Visconti, da Andrei Tarkovsky a Giorgio Morandi), premi, oggetti personali e molti altri materiali, che permetteranno di documentare, con rara esaustività, la vita e l’arte di uno dei più grandi cineasti del Novecento.

 

Info: www.palazzodiamanti.it