Notizie dal mondo della cultura

News

Cerca altre news
Di Sosta in Sosta

Jhafis Quintero

Six videoworks from six international private collections

Centro Videoinsight | Torino | 09/11/2013 - 09/11/2013
Jhafis Quintero

La Fondazione Arte e Scienza Videoinsight, per Artissima 2013 , con opening il 9 novembre 2013, alle h18,30 presso il Centro Videoinsight di Torino, presenta: “Jhafis Quintero: six videoworks from six international private collections”, una speciale esibizione realizzata con la partecipazione di sette collezionisti internazionali (Ronald Asmar e Romain Jordan, Christian Berthier, Verena Butt d’Espous, Rebecca Russo, Manuel de Santaren e Agah Ugur).
I collezionisti hanno scelto sei differenti opere video create da questo stesso artista e intendono condividere con il pubblico le ragioni che hanno provocato le diverse scelte. L’evento si svolgerà in collaborazione con Barbara Polla e la Galleria Analix Forever.

Jhafis Quintero, originario di Panama, ha trascorso dieci anni in carcere; si è rivelato artista mentre era in prigione. L’Arte per lui è stata “indispensabile per sopravvivere”: un’alternativa alla violenza che gli ha consentito di oltrepassare i limiti. Quintero sta lavorando alla realizzazione di una serie di dieci video: uno per ogni anno trascorso in carcere. Sei video sono già stati realizzati, uno di questi, “Knock out (2011) “, è attualmente in mostra alla 55. Biennale di Venezia 2013, nel Padiglione Latino-Americano. Altri quattro video sono in corso di realizzazione. Nella sua opera l’artista vuole far confrontare lo spettatore con la sua esperienza della prigionia, con le sue paure, con la sua incapacità di comunicare, ma anche con la sua libertà psicologica, la sua voglia di rinascere, la sua creatività.

Quintero mostra che la vita in carcere è stata per lui una ricchissima esperienza. La sua Arte non riguarda la prigione di per sè, ma piuttosto evoca la Vita: l’energia del corpo, della mente, dell’anima. Tutti i video, con profondità e immediatezza, esprimono significati relativi ai bisogni primari universali ed ai temi psicologici essenziali per l’umanità: la vita, la morte, la sopravvivenza, il tempo, la luce, la coazione a ripetere, l’omeostasi, la crisi, l’evoluzione, il cambiamento, le relazioni con gli altri e con se stessi, la consapevolezza, l’immaginazione, il sogno, l’insight.