Di Sosta in sosta

Luoghi della Cultura

Il Castello di Masnago

Da luogo di difesa a scrigno di opere d’arte

Via Cola di Rienzo 42, 21100 -  Varese
Il Castello di MasnagoIl Castello di Masnago

Situato nel borgo di Masnago, a pochi minuti dal centro di Varese, il castello vanta antiche origini. La torre in blocchi di pietra risale all’XI secolo, ed era parte di un sistema di fortificazioni più ampio. Nel corso del Quattrocento, l’area passa al conte Giovanni Castiglioni e alla moglie Maria Lampugnani, che trasformano l’avamposto militare in un castello. A questo periodo risale la realizzazione di una nuova ala con portico e soprattutto la decorazione pittorica al suo interno. Al piano terra si potrà visitare la Sala degli Svaghi, interamente affrescata con i passatempi dei nobili medievali. Altre stanze dipinte si trovano al piano superiore: la Sala dei Vizi e delle Virtù colpisce per l’inusuale soggetto moralistico delle pitture; seguono l’antica Cappella, la Sala delle Colonne e quella della Musica, tutte abbellite da affreschi quattro-cinquecenteschi. Successive modifiche nel XVII-XVIII secolo, trasformano il castello in una villa di campagna, con l’aggiunta di un ampio parco. Nel 1981 la residenza viene ceduta al Comune di Varese, che dopo alcuni restauri la riapre al pubblico come Museo di Arte Moderna e Contemporanea. Oggi la collezione comprende opere di pittura, scultura e grafica, principalmente attribuite ad artisti locali; tuttavia non mancano personalità come Francesco Hayez, Giacomo Balla, Pellizza da Volpedo, Renato Guttuso, Bruno Munari ed Enrico Baj. (Giuliana Ponzellini)