Di Sosta in sosta

Luoghi della Cultura

Complesso Conventuale di San Francesco

La resurrezione del San Francesco

Piazza San Francesco  Lucca
Complesso Conventuale di San FrancescoComplesso Conventuale di San Francesco

La splendida città di Lucca protegge, all’interno delle sue mura, gioielli architettonici dal valore inestimabile. Ogni scorcio custodisce una storia affascinante, che si può osservare dall’alto percorrendo i quattro chilometri di mura un tempo difensive, oggi palcoscenico naturale per spettacoli e manifestazioni. Lo storico Complesso Conventuale di San Francesco è rimasto per lungo tempo il “buco nero” della città. Una struttura dalla superficie di 12.000 mq, dove trovano posto tre chiostri, un cortile, le antiche sale e gli spazi della chiesa di San Franceschetto e della Sagrestia, rimasti in disuso e abbandonati per anni, da quando anche l’ultimo tentativo di un gruppo di frati di riaprire le porte del convento finì con l’abbandono nel 2003 dell’intero complesso. Da allora è stata una parabola in discesa, che mal si coniugava con le immense risorse di Lucca e di tutto il suo territorio. Correva l’anno 2010, quando la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca inizia una colossale opera di restauro che ha mirato a ridare il giusto lustro a uno degli edifici più imponenti della città. Per sottolinearne l’importanza, è stato da subito istituito al suo interno l’IMT, l’Alta Scuola Dottorale, che è al tempo stesso Istituto di Studi Avanzato e Istituto di Tecnologia tra i più prestigiosi a livello internazionale. E dopo solo tre anni dall’inizio dei lavori, il San Francesco è risorto! A dimostrazione che la riqualificazione di un monumento non è fine a sé stessa, ma rappresenta l’emblema della storia, della cultura e delle tradizioni di una città, ogni ambiente è stato ristrutturato, salvaguardato e adattato a una nuova vita. Al suo interno si trovano uffici per docenti e studiosi, l’aula magna, la mensa ristorante, camere per studenti e professori e un piccolo museo archeologico dove sono esposti i risultati della campagna di scavo. Uno scrigno di valori che si svela in tutta la sua completezza: meditazione, studio, arte, storia che appagano e deliziano ogni visitatore. (Claudia Marsala)