Notizie dal mondo della cultura

News

Cerca altre news
Di Sosta in Sosta

Aniello Barone. Paesaggio

Terzo appuntamento del progetto “Pelle & Pellicola”

Spazio Nea | Napoli | 15/03/2013 - 10/04/2013
Aniello Barone. Paesaggio

Tra i più stimati fotografi italiani, Aniello Barone ha sviluppato negli anni una personale visione su territori marginali, realtà immerse in un problematico degrado al centro da sempre di progetti di riqualificazione urbana e territoriale. Fanno parte di questa ricerca fotografica anche i mostruosi cumuli di immondizia che hanno trasformato, negli ultimi decenni, il paesaggio dell’hinterland napoletano e casertano e che adesso sono il filo conduttore degli scatti che saranno esposti dal 15 marzo (vernissage ore 18.30) al 10 aprile 2013 allo Spazio Nea di Napoli. Con Paesaggio, questo il titolo della mostra curata da Pasquale Lettieri e allestita da Tonino Di Ronza, terzo appuntamento del progetto espositivo ed editoriale (Iemme Edizioni) Pelle & Pellicola, il fotografo partenopeo, classe 1965, svela nei contrasti tra il bianco e il nero e nelle sfumature di grigio dei suoi lavori e nella scelta del soggetto il suo intimo bisogno di confrontarsi con una realtà complessa, documentandola e allo stesso modo contemplandola emotivamente.Barone può essere considerato tra gli eredi di una grande tradizione di reporter, che hanno raccontato Napoli e il Sud oltre lo stereotipo. È un sostenitore della necessità della ricerca sociale, fondamento culturale della creatività, da unire a un percorso di profonda riscoperta del linguaggio fotografico. L’arte di raccontare per immagini deve, infatti, “pagare” sempre l’onere di un doppio registro, che comporta ora primato della forma, ora primato del contenuto, in una escursione perenne tra teoria e prassi, tra linguistica generale del mezzo e concreta manifestazione fenomenica, “costringendo” sia ad una contemplazione estetica, sia ad una interpretazione filologica. Aniello Barone, che è sempre al limite di una composta spregiudicatezza, parla di rigore, di scelta, che caratterizzano il suo gioco di paesaggio fatto di natura/non-natura, d’impossibili scene.