Di Sosta in sosta

Luoghi della Cultura

Abbazia di Fossanova

Prima costruzione cistercense d’Italia

via San Tommaso d’Aquino, 1 - 04015  Priverno (LT)
Abbazia di FossanovaAbbazia di Fossanova

L’Abbazia di Fossanova – primo esempio in Italia di architettura cistercense – fu edificata tra il 1187 e il 1208 sui duplici resti di un’antica villa romana e di un monastero benedettino in un luogo piuttosto paludoso: il nome “Fossa Nova” indicava proprio l’apertura di un nuovo canale di bonifica. Costruita interamente in travertino bianco, la chiesa, sovrastata da un elegante tiburio e con un grandioso rosone che ne domina la facciata, ha tre navate su una pianta a croce latina. Di notevole interesse l’intero complesso abbaziale: da una porticina sul lato destro della chiesa si accede al chiostro, elemento caratteristico dello stile cistercense e fulcro della vita dei monaci. Di forma rettangolare, occupa una posizione centrale nella disposizione dei vari ambienti: da qui è infatti possibile accedere all’Armarium, alla Sala Capitolare, al Calefactorium, al Dormitorio, alla Cucina ed al Refettorio. Attraversando un breve corridoio, dal chiostro è inoltre possibile raggiungere i campi, la Foresteria e la Casa dell’Abate, dove nel 1274 morì San Tommaso d’Aquino. Il Santo, stimato teologo del suo tempo, era di passaggio nelle campagne circostanti quando si ammalò gravemente e cercò rifugio nell’Abbazia, dove visse i suoi ultimi giorni, spirando infine nella dimora dell’Abate che lo ospitò. Un bassorilievo marmoreo che lo raffigura mentre recita il Cantico dei Cantici decora la parete di quello che fu il suo ultimo giaciglio, e che ora è una cappella dedicata alla sua memoria. (Daniele Frantellizzi)